“L’unica differenza tra la realtà e la fantasia è che la fantasia deve essere credibile”

 Mark Twain.

Benvenuti da Panem, oggi vi trasporteremo all’interno di un avventuroso itinerario del gusto.

Gli ingredienti fondamentali: la capacità di stupirsi per quello che vedrete e la voglia di gustare i sapori che solo la biodiversità della nostra amata Italia può offrirci.
Quella che stiamo narrando è una storia fantastica: l’unica richiesta che vi facciamo è, quindi, di staccare la spina, dimenticarvi del mondo circostante e cominciare a sognare ad occhi aperti.

Ma chi è il Signor Panem?

Si racconta che Panem abbia baffi tondi e robusti, una folta ed incolta barba, si vesta in maniera stravagante ed eccentrica si dice che sia un golosone, vada matto per salumi e formaggi, che adori ricordare proverbi e vecchi modi di dire, che potrebbe passare giornate intere ad ascoltare storie di ogni parte del mondo.
Qualcuno riferisce che non si separi mai dal cappello regalatogli dal nonno, uno splendido copricapo con una lunga piuma viola. Si vocifera che Panem la intinga di inchiostro per registrare sul suo taccuino tutto quello che gli accade, trascrivere le incredibili storie ed avventure che ogni giorno gli capitano.
Fin qui nulla di straordinario, ma si narra come il Signor Panem si sia imbattuto un giorno in questa frase:

«Lascia i tuoi luoghi e cerca altri lidi e ti si apriranno più vasti orizzonti»

È la risposta a qualcosa che egli avverte da qualche tempo: la necessità di cambiare la propria vita, il desiderio di lasciare il proprio segno.
È linfa nuova per le sue vene, un sogno: è un viaggio, una grande avventura in giro per l’Italia alla ricerca di alimenti e prodotti tipici di ogni luogo, un itinerario del gusto italiano.
Adesso gli è tutto chiaro: attraverserà l’Italia in lungo ed in largo, regione per regione, visitando città, paesi e borghi per scoprire ingredienti sconosciuti, coltivazioni uniche al mondo, ascoltare ed annotare le storie e le emozioni che si celano dietro ogni prodotto.
Il viaggio è lungo ed articolato ma il Signor Panem ha deciso di non porsi limiti, farà del suo itinerario del gusto una semplice e totale ragione di vita.

E adesso?

Un’altra frase gli indica la strada: «fai del tuo nome un destino».
Il signor Panem ha adesso una missione, lo deve a sé stesso, al nome che si porta addosso, alla passione di una vita e al proprio piacere personale.
La nuova meta: farsi ambasciatore del gusto italiano.
Il risultato? Un nome, un destino: il suo sidecar si ferma a Riva del Garda, una fiorente cittadina sulle sponde del lago. Il signor Panem sente che questo rappresenta un nuovo inizio: dopo aver appreso e vissuto tante esperienze ed avventure, vuole fermarsi e raccontare, condividere il proprio viaggio: regalare ai viandanti che incontrerà il proprio viaggio e fargli vivere la propria e personale esperienza nel gusto. Tutto gli è chiaro: aprirà una bottega, un luogo che porta il suo nome. Qui comincerà una nuova avventura: elabora 20 panini, uno per regione italiana: ognuno condensa in sé i sapori tipici della regione di provenienza e racconta le storie di ogni ingrediente che lo compone, storie sempre diverse con qualche particolarità che le distingue dalle altre e le rende uniche. Ogni panino, inoltre, riporta i km di distanza da Riva del Garda. A questi si aggiunge il Panino Km 0 Riva Del Garda, il panino di casa. Ma non solo: prodotti ed eccellenze da tutta Italia, salumi, conserve, taglieri, vini autoctoni e birre artigianali
Ma non solo: un’area espositiva di prodotti e vini tipici di ogni regione ed un viaggio non solo all’insegna del gusto, ma anche della vista. Potrete osservare il viaggio di Panem intorno all’Italia, uno spettacolo di VideoMapping e luci, colori e fotografie che vi accompagneranno durante la vostra visita.
Panem non è solo una bottega, è un sogno, uno scrigno che racchiude l’Italia e tutte le sue meraviglie e sapori, un pozzo di bellezza che vogliamo regalarvi e farvi conoscere ogni giorno. Un microcosmo che vi rapisce e vi regala una piccola evasione dalla vita quotidiana, un giro d’Italia restando comodamente seduti al nostro tavolo.
L’obiettivo? Farvi viaggiare attraverso il gusto.

on dicembre 13, 2017

È stato bello leggere la storia del Signor Panem.
Mi piacerebbe molto venirvi a trovare…. spero il più presto possibile…

on dicembre 13, 2017

Ciao Agatino ti aspettiamo con piacere. Ricordati di dirci del tuo commento al sito, ci piacerebbe accoglierti con particolare attenzione.

on novembre 5, 2018

E’ stato bello incontrarvi e pranzare da voi, un luogo incantevole, ragazzi disponibili e pieni di entusiasmo, i crostini eccellenti e anche il panino che ha preso il mio compagno…mi piacerebbe tornarci, siamo di Milano…il mio sogno sarebbe creare un posticino come il vostro per mia figlia e il suo compagno che ama i vini ed il buon cibo.
Complimenti per tutto! Un bel ricordo. Antonella

Scrivi un commento:

*

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato